Visitare il quartiere del Raval a Barcellona

Visitare il quartiere del Raval a Barcellona

informazioni pratiche che El Raval

Il quartiere El Raval si trova nella Ciutat Vella (la città vecchia) di Barcellona, in Spagna. Confina con il Quartiere Gotico, Sant Antoni e Poble Sec. È delimitato a est dalla Rambla, a nord da Calle Pelai, a ovest dalla Ronda de Sant Pau e a sud dall'Avenida del Paral-lel, che segna il confine con il quartiere Poble Sec..

 

Le diverse opzioni per raggiungere El Raval con i mezzi pubblici:

Metro: È possibile prendere le linee L2 o L3 della metropolitana fino alla stazione Paral-lel. Da lì si può raggiungere a piedi El Raval.

Autobus: Gli autobus 20, 36, 57, 64, 91 e 120 servono anche El Raval. Potete prendere uno di questi autobus e scendere alla fermata più vicina alla vostra destinazione.

Bus turistico: La linea rossa vi porta a Plaça de Catalunya, al World Trade Center o ai piedi della Colonna di Colombo. La fermata più vicina al Raval con la linea blu è Plaça de Catalunya. 

 

Mappa del Raval

 

El Raval (l'ex Barrio Chino) è un quartiere quasi completamente trasformato. Un tempo era un covo di artisti, intellettuali, travestiti e prostitute. C'è ancora un'aria di boemia, ma la modernità ha preso piede. Oggi il quartiere Raval ospita un grande museo d'arte contemporanea, gallerie d'arte, boutique e ristoranti alla moda.

 

Il nostro consiglio: Situato in posizione ideale nel centro di Barcellona, El Raval dispone di numerosi hotel:

>> Il tuo hotel vicino al Macba nel Raval

 

La storia di El Raval nei secoli

Nel Medioevo, El Raval era un quartiere fuori dalle mura di Barcellona. Era popolato principalmente da artigiani e lavoratori. Durante questo periodo, il quartiere crebbe rapidamente con l'arrivo di nuovi abitanti dalle zone rurali circostanti.

Nel XVIII secolo, il quartiere iniziò a deteriorarsi a causa della crescente povertà dei suoi abitanti. Tuttavia, all'inizio del XIX secolo, la costruzione della Rambla diede un nuovo impulso economico a El Raval, con l'installazione di numerosi negozi e luoghi di svago.

Nel XX secolo, El Raval conobbe una forte crescita demografica dovuta all'immigrazione. Tuttavia, il quartiere fu anche colpito da povertà, criminalità e prostituzione. Negli ultimi decenni, la città di Barcellona ha realizzato una serie di progetti di rinnovamento urbano volti a rivitalizzare El Raval. Questi progetti hanno incluso la costruzione di nuovi edifici, il restauro di edifici storici e la creazione di spazi pubblici.

Oggi El Raval è un quartiere vivace e cosmopolita di Barcellona, apprezzato dagli abitanti e dai visitatori per le sue attività culturali e la sua buona atmosfera. È considerato uno dei quartieri più multiculturali della capitale catalana.

 

El Raval ex Barrio Chino

Il quartiere di El Raval era comunemente chiamato "Barrio Chino" (quartiere cinese) negli anni Venti fino agli anni Ottanta. Questo nome non ha nulla a che vedere con la presenza della comunità cinese, che all'epoca era molto limitata in Catalogna. In realtà, il nome del quartiere era dovuto alla presenza di numerosi locali di prostituzione, gioco d'azzardo, droga e criminalità organizzata.

La zona era considerata un luogo pericoloso e malfamato. Negli anni '80, il termine "Barrio Chino" divenne peggiorativo e iniziò a essere sostituito dal nome "El Raval", mentre una lunga serie di cambiamenti urbanistici ne trasformò l'aspetto.

 

Il periodo boemo a El Raval

Il quartiere El Raval ha conosciuto diversi periodi letterari e bohémien nella sua storia. Uno dei più famosi è quello dell'inizio del XX secolo, noto come "renaixença". Tra gli scrittori più noti di questo periodo figurano Jacint Verdaguer, Mercè Rodoreda e Josep Pla. Negli anni '60 e '70, El Raval divenne una mecca della controcultura e della bohème. Il quartiere ospitava molti artisti, musicisti e scrittori, tra cui il poeta Joan Brossa, il musicista e compositore Carles Santos e gli scrittori Manuel Vázquez Montalbán, Terenci Moix e il regista Joaquim Jordà i Català.
Più recentemente, El Raval è diventato un centro per le arti contemporanee e alternative, ospitando numerosi musei, gallerie d'arte e spazi espositivi, oltre a festival d'arte e di musica durante tutto l'anno.

 

Ecco alcuni luoghi da scoprire nel Raval

> Approfittate dei nostri buoni indirizzi, come ristoranti e negozi. Anche questo fa parte della scoperta di una città.

 

1- Il Palazzo Guëll*

Palazzo Guell - Monumento

Palau Güell

 

Costruito nel 1888 da Antoni Gaudí, il Palazzo Güell, o "Palau Güell" in catalano, fu commissionato dai Güells, ricchi industriali che, come sappiamo, furono mecenati di Gaudí per tutta la sua vita, in particolare con la commissione del famoso Parco Güell. Si trova nel quartiere Raval di Barcellona, in Spagna, e fu costruito tra il 1886 e il 1890. Il Palau Güell è patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Biglietti salta la fila o visita guidata del Palais Güell

La storia del Palazzo Güell di Barcellona

La storia del Palau Güell ebbe inizio quando Eusebi Güell, un ricco industriale e mecenate di Gaudí, gli chiese di progettare una residenza per la sua famiglia. Güell aveva una grande ammirazione per Gaudí e gli concesse una grande libertà creativa per la progettazione dell'edificio. Il Palais Güell fu una delle prime collaborazioni importanti tra Güell e Gaudí e segnò l'inizio di un lungo e proficuo rapporto professionale.

 

L'architettura del Palais Güell è caratteristica dello stile di Gaudí, spesso considerato il padre del modernismo catalano. L'edificio si distingue per gli elementi decorativi stravaganti, le forme organiche, le piastrelle di ceramica colorate e gli elementi in ferro battuto dal design artistico. Una delle caratteristiche più emblematiche del palazzo è la sua facciata, ornata da intricate ringhiere in ferro battuto e da fantasiosi camini che ricordano gli elmi dei soldati medievali.

 

Un video tour del Palazzo Güell:

 

 

 

Cosa si può vedere all'interno del Palazzo Güell?

L'interno del Palazzo Güell è altrettanto impressionante, con saloni riccamente decorati, elaborati soffitti a volta e un uso innovativo della luce naturale e dello spazio. Gaudí creò per Güell uno spazio multifunzionale, che comprendeva zone di soggiorno, aree di ricevimento e persino una sala da musica con un'acustica eccezionale.

Il Palazzo Güell fu anche progettato con caratteristiche innovative per l'epoca, come le rampe per l'accesso dei cavalli alla sommità dell'edificio, dove si trovavano le scuderie. Questo progetto permise a Güell di accedere direttamente alla cappella in cima all'edificio senza dover lasciare il suo cavallo.

 

Purtroppo il Palazzo Güell non fu molto utilizzato come residenza familiare e fu trasformato in un luogo di ricevimento per eventi sociali. Tuttavia, rimane un esempio eccezionale dell'architettura di Gaudí e una popolare attrazione turistica di Barcellona.

 

Nel 1984, il Palais Güell è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO in riconoscimento della sua straordinaria importanza architettonica. Oggi fa parte di una serie di grandi opere progettate da Gaudí a Barcellona, insieme alla Sagrada Família, al Parc Güell e alla Casa Batlló, che attirano ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo.

 

Quando visitare il Palazzo Güell?

Il Palau Güell è aperto al pubblico da diversi decenni. È stato inaugurato per la prima volta come attrazione turistica negli anni Sessanta. Da allora ha accolto visitatori da tutto il mondo che desiderano ammirare l'eccezionale architettura di Antoni Gaudí e conoscere la storia dell'edificio e del suo proprietario, Eusebi Güell.

 

Il restauro e la conservazione del Palazzo Güell sono stati intrapresi nel corso degli anni per garantirne la bellezza e l'integrità architettonica. I visitatori possono esplorare gli interni dell'edificio, comprese le sale riccamente decorate, la cappella e la sublime terrazza, nonché la magnifica facciata esterna con i suoi dettagli architettonici unici.

 

Il nostro consiglio: visitatelo sia per gli interni che per la magnifica facciata. Il Palazzo Güell si trova a pochi passi dalla Rambla di Barcellona. Il palazzo è meno affollato dalle 10 alle 11 del mattino e dopo le 18.

 

Quali tipi di biglietti sono disponibili per visitare il Palazzo Güell? 

Offriamo due tipi di biglietto per visitare il Palazzo Güell:

> Un biglietto con audioguida in inglese, basco, catalano, cinese, francese, tedesco, galiziano, italiano, giapponese, coreano, portoghese, russo e spagnolo. Questo biglietto comprende l'accesso a tutte le aree visitabili dell'edificio, compreso il tetto.

 

>> Una visita guidata con accesso a tutte le aree visitabili dell'edificio, compreso il tetto.

Assicuratevi di scegliere una guida locale che parli la vostra lingua solo il sabato o la domenica:

Sabato :

10.30 - Inglese
12:00 - Spagnolo
16:00 - catalano
Domenica :

10.30 - Francese
12.00 - catalano
16.00 - Spagnolo

Buono a sapersi: Il Palau Güell è aperto gratuitamente la prima domenica di ogni mese per tutto l'anno.

Indirizzo : C. Nou de la Rambla, 3-5
Ore di apertura : Chiuso il lunedì - Apertura estiva Dal 1° aprile al 30 settembre, dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso alle 19). Orario invernale Dal 1° ottobre al 31 marzo, dalle 10 alle 17.30 (ultimo ingresso alle 16.30).
Telefono : 00 34 934 725 775
Metro/Bus : Metro: Line 3, Liceu Station / Bus: 14, 59, 91, 120

2- Il Monastero di Sant Pau del Camp**

Monastero Sant Pau del Camp - Monumento

Monasteri Sant Pau del Camp

Situato nel quartiere storico di El Raval, il Monastero di Sant Pau del Camp - fondato nel IX secolo - è uno dei monasteri più antichi della Catalogna e un gioiello dell'architettura romanica catalana. La sua costruzione iniziò alla fine del IX secolo, in sostituzione di una chiesa precedente distrutta dagli invasori musulmani nel 985.

 

La collezione romanica del Monastero di Sant Pau del Camp 

 

Il monastero ospita oggi un museo con mostre sulla storia dell'arte, sulla storia di Barcellona e sulla vita religiosa in Catalogna. La sua bella collezione comprende reperti archeologici e arte religiosa, tra cui sculture romaniche, dipinti e tessuti.
Il motivo principale per visitare questo monastero è il suo portale, decorato con sculture che raffigurano scene bibliche e motivi decorativi. La cappella di Sant Pau, decorata con affreschi del XII secolo che raffigurano scene della vita di Gesù e degli apostoli. Per la croce lignea intagliata di Sant Pau del XII secolo, considerata una delle opere più belle dell'arte romanica catalana. Per la scultura della Vergine e del Bambino, una scultura in pietra policroma del XIII secolo. Infine, i murales e la collezione di tessuti medievali, tra cui arazzi, stendardi e paramenti liturgici, cattureranno senza dubbio la vostra attenzione.

 

Il luogo è tranquillo e perfetto per la contemplazione... Una pausa straordinaria in un quartiere vivace.

Indirizzo : Carrer de Sant Pau, 99
Ore di apertura : Lunedi al Sabato 10:00-1:30 e 16:00-07:30
Telefono : +34 934 41 00 01
Metro/Bus : Metro: L2, L3 Paral·lel

3- Il Museo d'Arte Contemporanea di Barcellona (MACBA) ***

MACBA Il Museo di Arte Contemporanea di Barcellona - Museo

Macba - Barcelona

 Nel 1959 il critico d’arte, Alexandre Cirici Pellicer, decise che bisognava costruire un museo di arte contemporanea a Barcellona MACBA.

Articket: pass per 6 musei d'arte a Barcellona

Dal 1960 al 1963, Cirici e Cesàreo Rodrìguez Aguilera organizzarono un gruppo d’artisti per pianificare il museo, i quali poi diventarono i fondatori. Nel febbraio del 1963 ci fù la prima mostra, El Arte y La Paz (L’Arte e La Pace), la quale, visto il suo tono fortemente politico, fù un esempio perfetto dei limiti che esistevano sull’espressione artistica all’eopca.

Nel 1986 il governo della città invitò l’artista nord americano, Richard Meier, a incaricarsi del progetto di un nuovo museo. Il Ministero della Cultura di Barcellona comissionò i critici Francesc Miralles e Rosa Querait a scrivere un riassunto che servirebbe come filosofia del futuro museo.

 

Nel 1987 la Fondazione MACBA incluse una ditta privata nel progetto e il nuovo museo MACBA fù inaugurato il 28 novembre, 1995.

Indirizzo : Pl. dels Angels, 1.
Ore di apertura : Aperto dal lunedì al venerdì dalle 11h00 alle 20H00, e il sabato dalle 11h00 alle 21h00. Chiuso il martedì.
Telefono : +34 93 412 08 10
Metro/Bus : Catalunya Pl. Universitat

4- Centro culturale contemporaneo di Barcellona (CCCB)**

Il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB) - Museo

CCCB - Barcelona

Il Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona (CCCB)
Un istituto multidisciplinario dove vengono organizzate mostre sull’urbanismo, sulla musica, sulla danza, dei dibattiti e delle letture.
La gente di Barcellona visita molto spesso questo centro unico è interessante. L’architettura è straordinaria.

Articket: pass per 6 musei d'arte a Barcellona da 35€

Indirizzo : Montalegre, 5
Ore di apertura : Aperto tutti i giorni dalle 11h00 alle 14H00 e dalle 16h00 alle 20h00.
Telefono : 00 34 93 306 4100
Metro/Bus : Metro: 1, 2, 3 (Catalunya i Universitat) - Bus: 7, 9, 14, 16, 17, 24, 38, 41, 50, 54, 55, 56, 58, 59, 64, 66, 67, 68, 91, 120, 141, L94, L95, Tombús, Aerobús.

5- Il mercato della Boqueria ***

Mercato La Boqueria - Monumento

 

Boqueria Market - Barcelona

Il Mercato della Boqueria, uno dei mercati più antichi di Barcellona, non fa più notizia: il suo nome viene citato già nel 1217. Criticato da alcuni per l'eccessivo affollamento, adorato da altri per la qualità dei suoi prodotti e dei suoi piccoli bar. Rimane una tappa obbligata sulle Ramblas, a due passi dal Liceu e da Plaça de Catalunya.

 

 

 

Il portico d'ingresso, con la sua vetrata liberty, è già un invito a un viaggio gastronomico.
Un sogno che diventa realtà davanti a tutte le coloratissime bancarelle presentate con grande cura dai tanti negozianti orgogliosi dei loro stand.

 

Una visita a La Boqueria in video:

 

 

Cosa si può trovare a La Boqueria? 

A La Boqueria si può trovare di tutto: pesce, carne, salsicce, spezie, formaggi, verdure, frutta e succhi di frutta, dolci, fiori... Prodotti freschi e locali che attirano sia i ristoratori che la gente del posto. Molti catalani vengono qui per fare la spesa quotidiana. Ma sono ancora di più quelli che vengono a fare colazione o a pranzare, perché sono molti i ristoranti, i caffè e i bar di tapas che si sono stabiliti a La Boqueria da molto tempo (una dozzina di bar, per esempio).

>> In totale, La Boqueria conta più di 300 stand. Con una superficie di 2583 m², è il mercato più grande della Catalogna.

 

Tip: se viaggiate leggeri, vi suggeriamo di comprare semplicemente peperoncini,Jabugo, chorizo e qualche formaggio prima di partire.

Se avete fame, fate una pausa al bar El Quim, il nostro bar di tapas preferito.

 

Cosa significa Boqueria?

Boqueria (conosciuta anche come La Boqueria) è il termine con cui si indica questo mercato il cui nome ufficiale è "Mercat de Sant Josep". Il nome "Boqueria" deriva dalla parola catalana "boc", che significa "capra", e si riferisce all'area in cui il mercato fu originariamente fondato nel XIII secolo come luogo per i commercianti di capre.

 

La storia del mercato della Boqueria

La prima menzione del mercato della Boqueria a Barcellona risale al 1217, quando vennero allestiti dei tavoli vicino all'antica porta della città per la vendita di carne. A partire dal dicembre 1470, vi si tenne un mercato per la vendita di maiali. All'epoca il mercato si chiamava Mercat Bornet o (fino al 1794) semplicemente Mercat de la Palla (Mercato della Paglia).

All'inizio il mercato non era recintato e non aveva uno status ufficiale; era considerato una semplice estensione del mercato di Plaça Nova, che poi si estendeva fino a Plaça del Pi.
In seguito, le autorità decisero di costruire un mercato separato sulla Rambla, che ospitava principalmente pescivendoli e macellai. Solo nel 1826 il mercato fu riconosciuto legalmente e nel 1835 un convegno decise di costruire una piazza ufficiale.
I lavori iniziarono il 19 marzo 1840 sotto la direzione dell'architetto Mas Vilà. Il mercato fu inaugurato ufficialmente lo stesso anno, ma i progetti dell'edificio furono modificati più volte. L'inaugurazione ufficiale della struttura avvenne infine nel 1853. Nel 1911 fu aperto il nuovo mercato del pesce e nel 1914 fu costruita la copertura metallica che esiste ancora oggi.

 

>>> Sei goloso di dolci? Trova tutti i mercati di Barcellona

Indirizzo : Rambla, 91
Ore di apertura : Aperto tutti i giorni dalle 8h00 alle 20h30. Chiuso la domenica.
Telefono : 00 34 93 318 20 17
Metro/Bus : Liceu

Ultimo commento
la foto del Hospital de Sant Pau
Tana (22 Apr 2011 - 09:00)
Hola, La imagen escogida para el Hospital de Sant Pau del Raval no corresponde al edificio gótico. Me parece que se trata del Hospital modernista de Domenech i Montaner.
Aggiunga un nuovo commento Visualizzare i commenti

Vi Raccomandiamo >> Luoghi da non perdere a Barcellona

Per facilitare il vostro soggiorno a Barcellona: questi servizi o idee di cose da vedere, da fare..

Hotel Barcellona

L'hotel ideale per il vostro soggiorno

In famiglia, per il turismo, per gli affari o giusto per un week end a Barcellona, abbiamo scelto per voi i migliori hotel della città per facilitare la vostra scelta. Qualsiasi categoria a tutti i prezzi. Ma anche con affare secondo le vostre date di viaggio. Buono soggiorno!

Barcelona Hop-On Hop-Off Bus tour

Biglietti Bus Turistico

Un solo biglietto, 3 linee e 45 fermate !

Scopri la città al tuo ritmo con la nostra selezione di biglietti per il bus turistico. Un modo straordinario ed economico per stabilire un primo contatto con le principali attrazioni della capitale catalana. 

A partire da € 31,00
Hola Barcelona Public Transport Card

Carta di viaggio Hola

Accesso illimitato ai trasporti pubblici

Accesso illimitato da 48 a 120 ore ai trasporti pubblici di Barcellona: metropolitana, autobus (TMB), ferrovia urbana (FGC, Zona 1), funicolare di Montjuïc, tram (TRAM), ferrovia regionale (Rodalies de Cataluny) + 1 biglietto di andata e ritorno dall'aeroporto al centro città. Esclusi NitBus, Aerobus e autobus turistici.

A partire da € 19,50
12/03/2024 FC Barcelona VS Napoli SSC
FC Barcelona Football tickets

FC Barcelona vs Napoli SSC

UEFA Champions League
Martedì 12 Marzo 2024 - 21:00
Olímpic Stadium Lluís Companys
Data e orario confermati
FC Barcelona Official ticket agent - 2023-24 - FCBOOFM
A partire da215,00 €

1 comment

  1. la foto del Hospital de Sant Pau - Tana (22 Apr 2011 - 09:00)

    Hola, La imagen escogida para el Hospital de Sant Pau del Raval no corresponde al edificio gótico. Me parece que se trata del Hospital modernista de Domenech i Montaner.

Il vostro commento è stato bene registrato e sarà pubblicato dopo moderazione.

Chiudere