Sagrada Familia Biglietti Salta Coda La Sagrada Familia spiegata
Best seller
From € 33,80
Biglietti Sagrada Familia salta fila

Perché comprare da noi ?
Lavoriamo, viviamo e respiriamo a Barcellona e in nessun'altra città. Ecco perché offriamo:
- miglior prezzo
- i tour della città e i biglietti più apprezzati!

Biglietti Sagrada Familia salta fila
From € 33,80

Sagrada Familia Gaudí

La Sagrada Família di Gaudí, un'avventura di 43 anni.

La storia della Sagrada Família è inseparabile dal suo geniale creatore Antoni Gaudí. All'età di 31 anni, il giovane architetto fu scelto per prendere il posto di Francisco de Paula del Villar y Lozano nel 1883, il cui progetto iniziale, in stile neogotico, mancava di ambizione, nonostante la posa della prima pietra dell'edificio nel 1882.

 

 

Antoni Gaudí in 1878

 

In pochissimo tempo, Antoni Gaudí i Cornet propose un progetto di scala completamente diversa, radicalmente innovativo per il suo tempo. La Sagrada Família doveva essere un tempio di tendenza naturalista-modernista, composto da cinque navate, tre facciate e diciotto torri, una delle quali, la più alta, era al centro per simboleggiare Gesù Cristo.

 

Il giorno del suo completamento, questa torre di Gesù Cristo sarà il campanile più alto del mondo con 172,5 metri, superando, per esempio, la cattedrale di Ulm Münster, Germania, alta 161,5 metri. Sarà anche la torre più alta di Barcellona di qualsiasi edificio.

 

 

La Sagrada Família, la più complessa e unica di tutte le opere di Gaudí

Nel 1883 Gaudí lavorò anche ad altri edifici che inizieranno a farlo entrare nella storia, come la Casa Vicens.

Profondamente cattolico e religioso, questo nuovo progetto avrebbe però cambiato la sua vita. Sarebbe stata la più complessa e singolare di tutte le sue opere, il suo capolavoro assoluto, e vi avrebbe dedicato 43 anni della sua vita.

 

 

 

 

Cinque navate, un incrocio, tre facciate, diciotto torri.

In effetti, era un progetto radicalmente diverso da quello di Villar che Gaudí propose nel 1883. Progettò la costruzione di un tempio con un'architettura frutto della sua immaginazione personale, composto da cinque navate, un incrocio, un'abside, un deambulatorio esterno, tre facciate e diciotto torri, dodici delle quali simboleggiavano gli apostoli, quattro per gli evangelisti (alte 135 metri), una per la Vergine Maria (alta 127,50 metri, sormontata dalla Stella del Mattino) e la più alta (172,5 metri) al centro per simboleggiare Gesù Cristo.

 

Una profonda conoscenza liturgica come fonte di ispirazione totale.

Con questo progetto la chiesa diventa molto più grande di quanto originariamente previsto e il suo simbolismo viene totalmente ripensato. Riferimenti mistico-religiosi, la storia e i misteri della fede cristiana, le tappe della vita di Cristo, la Gerusalemme celeste simbolo di pace... Dalla sua immaginazione e dalle sue solide conoscenze liturgiche, Gaudí definì così una nuova architettura religiosa che sarebbe stata chiamata naturalista-modernista. Una creatività simbolica mai eguagliata fino ad oggi.

 

 

Nel Museo della Sagrada Familia scopriamo un vero innovatore tecnico

Il Museo della Sagrada Família - incluso nel biglietto d'ingresso - permette di scoprire alcune delle invenzioni di Antoni Gaudí. Diversi disegni e modelli mostrano le tecniche ingegnose che ha usato per costruire il tempio.

 

 

Puoi imparare tutto sulla volta iperboloide o le colonne elicoidali della Sagrada Família. Avrete il piacere di scoprire un modello alto 4 metri fatto di corde e pesi che, capovolto, permette di calcolare il carico e la curvatura delle volte o delle catenarie. Un genio dell'ingegneria molto avanti rispetto al suo tempo.

Gaudi, un immenso lavoratore

Accanto alla costruzione della Sagrada Família, Gaudí continuò il suo lavoro come architetto per gli industriali e i mecenati di Barcellona.

 

Oggi è possibile visitare alcuni di questi monumenti:

1926, la morte di Antoni Gaudí

Il 7 giugno 1926, mentre si recava alla chiesa di San Filippo Neri, Gaudí fu investito da un tram, che lo lasciò privo di sensi. Scambiato per un mendicante, senza documenti e dall'aspetto trasandato con i suoi vestiti vecchi e logori, non è stato immediatamente salvato. Finalmente ricoverato in ospedale, morì tre giorni dopo, il 10 giugno 1926, all'età di settantatré anni.

 

 

Gaudí's funeral 12-06-1926

 

Il funerale di Antoni Gaudí

Antoni Gaudí i Cornet fu sepolto il 12 giugno 1926 nella cappella di Nuestra Señora del Carmen nella cripta della Sagrada Família davanti a una grande folla.

 

Sulla sua lapide c'è la seguente iscrizione:

"Antonius Gaudí Cornet". Reusensis. Annos natus LXXIV, vitæ exemplaris vir, mirabilis operis hujus, templi auctor, pie obiit Barcinone dit X Junii MCMXXVI, hinc cineres tantis hominis, resurrectionem mortuorum expectant. R.I.P."

Che può essere tradotto come segue: "Antoni Gaudí Cornet. Originario di Reus. Nato 74 anni fa, un uomo esemplare, un artigiano esaltato, autore della mirabile opera di questo tempio, morì a Barcellona il 10 giugno 1926, qui le ceneri di un così grande uomo attendono la resurrezione dei morti. R.I.P."

 

La Sagrada Família dopo Gaudí

Una costruzione molto lunga che terminerà nel 2026.

Gaudí capì che non avrebbe mai visto la sua opera completata e che alla sua morte il progetto avrebbe potuto essere ridotto per mancanza di fondi o di interesse. Per questo motivo, decise di alzare il più possibile l'altezza delle parti esterne al tempio, significative ma poco funzionali: le sue torri, l'abside e le sue facciate. In questo modo, ha reso impossibile cambiare l'altezza originariamente prevista, lasciando un segno importante del suo stile architettonico molto personale e, in breve, una guida per il proseguimento della costruzione.

 

Un solo lavoro ma stili molto diversi!

Gaudì lasciò dei progetti - molti dei quali scomparvero nel 1936 quando la Sagrada Família fu saccheggiata dagli anarchici durante la guerra civile spagnola - per dare istruzioni ai suoi successori. Ma voleva anche che ogni generazione di architetti portasse il proprio stile all'edificio. Così, dopo la sua morte, ogni parte della Basilica è stata costruita separatamente, una dopo l'altra, per riflettere i nuovi stili architettonici delle diverse epoche.

Questa missione ha avuto successo, dato che dalla sua morte, diverse generazioni di architetti si sono succedute nella realizzazione di quest'opera, che sarà completata nel 2026, l'anno del centenario della morte di Gaudí, non senza qualche polemica.

 

Riconoscimento mondiale
I lavori realizzati durante la sua vita, cioè la facciata della Natività, la torre di San Barnaba e parte del lato esterno del muro dell'abside, sono stati dichiarati Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 2005.

La Basilica della Sagrada Familia è stata consacrata da Papa Benedetto XVI il 7 novembre 2010.

Ultimo commento
Sia il primo da commentare questa pagina !
Per favore, cliccate qua [ Aggiunga un nuovo commento ] sul tasto.
Aggiunga un nuovo commento Visualizzare i commenti
  1. Sia il primo da commentare questa pagina !
    Per favore, cliccate qua [ Aggiunga un nuovo commento ] sul tasto.

Il vostro commento è stato bene registrato e sarà pubblicato dopo moderazione.

Chiudere