Gaudi Barcellona

Vita e opere del genio architetto : Sagrada Familia, Pedrera, Parco Güell, Batlló..

Scoprire Antoni Gaudì  l'architetto geniale del Modernismo a Barcellona: Sagrada familia, Perdrera, Parc Guell, Guell Palazo, Casa Calvet, Casa Mila...

L'architetto ed il progettista, Antoni Gaudì  erano alla prima linea del movimento del Art Nouveau in Spagna. Il suo lavoro a Barcellona ha condotto alla creazione di alcuni dei limiti più notevoli della città. Gaudi era un pioniere nel suo campo non usando il colore, la struttura ed il movimento nei sensi mai prima dell'immaginato di. Suo funziona, sia rifinito che incompiuto, basamento come testimonianza al suo genius.

Tutto organizzato prima della partenza: il meraviglioso City Pass Barcellona include l'accesso prioritario alla Sagrada Familia, al Parco Güell, un biglietto per l'autobus turistico e il trasferimento dall'aeroporto al centro di Barcellona (andata e ritorno in Aerobus), City Pass da 69,50 €

 

Antoni Gaudí - 1878 Barcelona

 

Cronologia e storia della vita di Antoni Gaudí (1852-1926)

1852

Antoni Gaudí i Cornet è nato il 25 giugno 1852 a Reus o Riudoms, in Catalogna. Un luogo di nascita non certificato, ma un bambino circondato fin dalla nascita da un padre e da un nonno calderai che gli insegnano nozioni essenziali per il suo futuro: fare con le mani e avere un senso dei volumi. Un bambino in salute fragile che trascorrerà periodi molto lunghi osservando la natura "suprema opera del creatore".

1870

All'età di 18 anni iniziò i suoi studi come architetto a Barcellona. Dato per disegnare, esente dal servizio militare a causa della sua salute, ha collaborato in questo periodo con molti architetti per i quali ha disegnato e quindi pagato i suoi studi. Ha sviluppato un gusto per la storia, l'economia, la geometria, la filosofia e l'estetica. Sarà uno studente medio, ma non insignificante. Il suo direttore avrà questa famosa frase alla cerimonia di laurea: "Abbiamo assegnato il diploma a un pazzo o un genio. Il tempo lo dirà.

1883

La carriera di Gaudí iniziò davvero con la costruzione della Casa Vicens. Lunga chiusura al pubblico, questa casa è visitabile dalla fine del 2017.

Da questo primo progetto, il giovane architetto si allontana dalle sue prime ispirazioni: Eugène Viollet-le-Duc e lo stile neogotico per entrare a far parte del movimento Art Nouveau che poi decolla da tutta Europa. In Catalogna questo stile ha preso il nome di Modernismo. La Casa Vicens sarà un concentrato dei suoi primi tratti di genio e del volo del Modernismo: forme ancora geometriche all'esterno ma la natura, l'Oriente i suoi colori e i suoi mosaici fonti di ispirazione all'interno.

1884

Gaudì è stato a lungo associato con un ricco industriale, Eusebi Güell. Una vera amicizia, l'ammirazione reciproca e un'epoca sgargiante nell'economia del paese hanno dato vita ad alcune delle opere più belle dell'architetto: Finca Güell (1884-1887), il Palazzo Güell (1885-1889), la Cripta di Colonia Güell (1898-1915) e infine il Parco Güell (1900-1914).

1888

 L'Esposizione universale di Barcellona del 1888 accolse più di 400.000 visitatori e Gaudí progettò il padiglione della Compagnia Transatlantica.

1900

All'inizio del secolo era un architetto di fama, coinvolto in molti progetti. Nel 1900 riceve il premio per il miglior edificio dell'anno per la Casa Calvet (1898-1900). La Casa Bellesguard, il restauro della Cattedrale di Santa Maria de Palma di Maiorca e due delle sue opere più emblematiche, due case: Casa Batlló (1904-1906) e Casa Milà (1905-1907), sono emerse dalla terra in un decennio glorioso.

1915

Ora si dedicò interamente all'opera della sua vita, Sagrada Familia o la "Cattedrale dei poveri" (il suo nome popolare), per la quale arrivò persino a chiedere l'elemosina per poter continuare l'opera. L'opera terminerà nel 2026, sempre grazie alle donazioni dei visitatori.

1926

Il 7 giugno 1926, andando alla chiesa di Santo Filippo Néri, Gaudi è stato rovesciato da una tramvia, che lo ha lasciato incosciente. Preso per un mendicante, senza documenti e di aspetto trascurato con i suoi vestiti vecchi e consumati, non è stato salvato immediatamente. Quando gli fu riconosciuto era già troppo tardi per salvarlo. Morì il 10 giugno 1926, all'età di settantatré anni. Fu sepolto il 12 giugno, nella cappella di Nostra Signora del Carmine nella cripta della Sagrada Família, alla presenza di una folla immensa.

 Sulla sua lapide è la seguente iscrizione:

« Antonius Gaudí Cornet. Reusensis. Annos natus LXXIV, vitæ exemplaris vir, mirabilis operis hujus, templi auctor, pie obiit Barcinone dit X Junii MCMXXVI, hinc cineres tantis hominis, resurrectionem mortuorum expectant. R.I.P. »

Questo può essere tradotto in questo modo."Antoni Gaudí Cornet.  Originario di Reus. Nato 74 anni fa, un uomo esemplare, un esimio artigiano, autore dell'ammirevole opera di questo tempio, morì a Barcellona il 10 giugno 1926, qui le ceneri di un uomo così grande attendono la risurrezione dei morti. R.I.P. »

 

Le opere principali di Antoni Gaudí

Cooperativa Obrera Mataronense 1878-1882  Mataró 
El Capricho 1883-1885  Comillas
Casa Vicens 1883-1888  Barcelona
Templo Expiatorio de la Sagrada Familia 1883-1926 Barcelona
Pabellones Güell 1884-1887 Barcelona
Palacio Güell 1886-1890 Barcelona
Colegio de las Teresianas 1888-1889 Barcelona
Palacio Episcopal de Astorga 1889-1915 Astorga
Casa Botines 1891-1894 León
Bodegas Güell 1895-1897 Sitges
Casa Calvet 1898-1900 Barcelona
Torre Bellesguard 1900-1909 Barcelona
Park Güell 1900-1914 Barcelona
Portal Miralles 1901 Barcelona
Casa Batlló 1904-1906 Barcelona
Jardines de Can Artigas 1905-1906 La Pobla de Lillet
Casa Milà 1906-1910 Barcelona
Cripta de la Colonia Güell 1908-1915 Colonia Güell (Santa Coloma de Cervelló)

 

Scopri i monumenti più visitati di Antoni Gaudi a Barcellona:

Powered by eZ Publish™ CMS Open Source Web Content Management. Copyright © 1999-2012 eZ Systems AS (except where otherwise noted). All rights reserved.